L’amore
per il bambù

BambùBio nasce nel 2014, da un’idea della chef e ricercatrice Marianna Ziliati, proveniente dalla scuola di Gualtiero Marchesi. Nel 2017 l’azienda viene acquisita dal gruppo Alma Bamboo, azienda leader nel settore della green-economy.

BambùBio offre prodotti alimentari a base di germogli di bambù, una scelta che nasce dalla convinzione che il germoglio di bambù si inserisca perfettamente come alimento all’interno delle nuove tendenze del settore food, sempre più orientate verso un’alimentazione che unisca il gusto al mangiare sano.

Il germoglio di bambù, infatti, è considerato uno dei cibi del futuro, in quanto contiene pochi grassi ed è ricco di sostanze nutritive, buona fonte di fibre, proteine e aminoacidi. Le piantagioni di BambùBio sono tutte rigorosamente Made in Italy.

Alma Bamboo

Rendere verticale la propria attività, partendo dalla coltivazione del bambù gigante fino ad arrivare alla commercializzazione delle sue molteplici applicazioni.
Questa l’innovativa idea di business di Alma Bamboo, azienda leader nel settore della Green Economy, che la porta oggi ad annunciare l’acquisizione di BambùBio.

Alma Bamboo, è un team altamente specializzato con competenze commerciali, competenze formative e competenze agronomiche nel settore della Green Economy.

Marianna Ziliati

Al rientro del viaggio in Cina di mia sorella vengo a conoscenza di una particolare tipologia di germoglio, quello di bambù. Decido di andare in un ristorante asiatico per assaggiarlo, e da quel momento mi si aprì un mondo, nel vero e proprio senso della parola.

Mi innamoro talmente tanto di questo germoglio che, insieme a mamma e sorella, dopo lunghe ricerche e informazioni raccolte, decidiamo che forse è il caso di dar vita ad una piantagione così detta a “chilometro zero”. Nasce così, nel 2013, la nostra piantagione di bambù dal germoglio commestibile a Treviglio, in provincia di Bergamo.

Il nostro bamboo

La nostra è una piantagione di bambù che vanta più di 2.000 piante, tutte coltivate con prodotti biologici quindi senza l’utilizzo di pesticidi o agenti chimici. La pianta di bambù produce un germoglio commestibile e ricco di sostanze nutritive, ma solo per due mesi all’anno, ovvero da Marzo a Maggio. Nei restanti mesi coltiviamo altre tipologie di bambù dalla foglia commestibile, utili per dare vita a tisane, essenze, estratti o altri prodotti commestibili come grissini e altri prodotti da forno, anche per alimentazioni alternative.
La scelta di dar vita a questa coltivazione deriva dal fatto che, dopo numerosi studi e approfondimenti, il bambù è un alimento dall’alto valore nutrizionale, considerato un baluardo per le ossa in quanto ricco di calcio, ferro e zinco; lotta contro l’invecchiamento della pelle essendo un potente antiossidante, e considerato uno dei cibi del futuro poiché a basso contenuto di grassi, buona fonte di fibre, proteine e di aminoacidi (8 dei quali essenziali per il nostro organismo).